Sacro Monte di Orta

Il Sacro Monte di Orta sorge, con le sue 20 cappelle, sulla collina che si eleva al centro della penisola di Orta S.Giulio, sulla riva occidentale delLago d’Orta. A differenza degli altri Sacri Monti, quello di Orta è l’unico interamente dedicato ad un santo, poiché le cappelle che lo compongono raffigurano episodi della vita e dei miracoli di San Francesco d’Assisi. Fu edificato in tre distinti periodi, tra il 1590 e il 1788. Nel 1583 la comunità ortese decise di erigere sulla “Selva di San Nicolao” un insieme di cappelle e un convento destinato ad accogliere, per volontà di S. Carlo Borromeo e dall’Abate novarese Amico Canobio, i frati francescani cappuccini. I lavori per la costruzione del convento cominciarono nel 1590 e nel 1591 si diede inizio alla costruzione della prima cappella, la XX (La canonizzazione di San Francesco), mentre datano ai secoli successivi numerose altre fasi di intervento che hanno portato il complesso alle sue attuali dimensioni.

 

Tra gli artisti che hanno qui lasciato loro opere si possono ricordare gli scultori Giovanni d’Enrico e Cristoforo Prestinari, ed i pittori Giovanni Battista e Giovanni Mauro della Rovere detti i Fiammenghini, Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone e Antonio Maria Crespi, Il complesso è imperniato sulla chiesa dei Santi Nicolao e Francesco, totalmente rimaneggiata nel 1600: qui si possono ammirare opere in legno e radica di noce, quattro tele settecentesche del Cantalupi, una tela della scuola del Rocca, una del Busca, una quindicina di quadri di autori vari, una tela del Procaccini, e un medaglione in legno del secolo XVII.

 

 


Premium