Prodotti Tipici del Territorio

IL VINO

L’Alto Piemonte offre una vasta gamma di eccellenze vinicole: dai grandi nebbioli invecchiati ai rossi freschi e giovani, ai rosati ed ai bianchi, in grado di accontentare un’ampia fascia di consumatori.

 E’ un’area geologicamente molto diversificata, dalla quale l’abilità e la passione dell’uomo, nel tempo, hanno saputo ricavare eccellenti vini. A farla da padrone è indiscutibilmente il Nebbiolo, che da sempre da vini nobili ed eleganti e di struttura complessa, affiancato da vitigni autoctoni come Vespolina, Uva rara, Croatina e Erbaluce. L’alto Piemonte può vantare la presenza di tre importantissimi vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita quali il Gattinara e il Ghemme, entrambi a base di Nebbiolo e di lungo affinamento in legno e L’Erbaluce di Caluso, vino bianco prodotto dall’omonimo vitigno Erbaluce. Numerosi ed altrettanto importanti sono i vini a Denominazione di Origine Controllata: Boca, Bramaterra, Carema, Fara, Lessona e Sizzano anch’essi a base Nebbiolo e di lungo affinamento in legno; Canavese, Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane le quali invece comprendono vini rossi, rosati e bianchi.

 

IL RISO

Riso di Baraggia biellese e vercellese: nasce dai terreni argillosi ed ostili della Baraggia irrigati dall'acqua che scende dal Monte Rosa, trasformati dall'orgoglio e dalla forza delle Aziende Agricole e delle Riserie che insieme lavorano per un prodotto di qualita' apprezzato ed invidiato da tutta Europa.

Dove vederlo : in tutte le risaie che confinano con il  Fiume Sesia, il canale Cavour , il torrente Elvo e l'area Pedemontana chiamata Coste della Sesia da Cossato a Gattinara ,  raccogliendo il fascino delle 4 stagioni.

Dove Vederne la Lavorazione o Dove Gustarlo? Vieni con noi e ne sarai sbalordito ed estasiato

IL MIELE 

Dalle produzioni provenienti dai boschi collinari di castagno a quelle legate alle macchie di robinia lungo i fiumi, profumatissime nelle loro fioriture primaverili, numerose sono le tipologie di miele provenienti dalle terre dei Passaggi. Frequente è l’impiego di questo prodotto nella preparazione dei più semplici fra i dolci tipici della tradizione contadina, ed ottime sono le sue qualità organolettiche, legate come sono ad un territorio che, per il basso livello di inquinamento e per la presenza di ampie estensioni boscose, si presenta come habitat ideale per le api.

IL FORMAGGIO

Da un’antica tradizione casearia, che si presenta ricca e differenziata, come diversi sono i territori nei quali si è sviluppata, nascono tipicità di altissimo profilo. Le tome valsesiane e biellesi, il gorgonzola novarese, oppure il fragrante frachèt delle colline vercellesi sono solo alcune delle eccellenze fra una miriade produzioni locali. Tutte rispecchiano nelle loro caratteristiche le peculiarità delle erbe, del clima e dei terreni di zone che a questa vocazione produttiva uniscono valori ambientali di primo piano.


Premium